Catania Bene Comune, oggi in piazza contro il razzismo: corridoi umanitari e asilo europeo - comunicazione politica, spindoctoring e dintorni
Ultime notizie su politica
notizie, news
2600
post-template-default,single,single-post,postid-2600,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Catania Bene Comune, oggi in piazza contro il razzismo: corridoi umanitari e asilo europeo

Oggi, mercoledì 22 aprile, alle ore 18 da Piazza Stesicoro a Catania partirà la manifestazione convocata dalle/dagli antirazziste/i catanesi indetta nelle ore immediatamente successive al naufragio che ha portato alla morte di almeno 800 esseri umani nel Canale di Sicilia. La manifestazione chiede la fine delle stragi e delle politiche razziste e xenofobe dell’Italia e dell’UE, l’istituzione immediata di corridoi umanitari per permettere a chi scappa da fame, guerra e devastazione di giungere in sicurezza in Europa, l’istituzione di un diritto d’asilo europeo che consenta ai richiedenti asilo di muoversi liberamente in Europa, la creazione di meccanismi d’accoglienza umani e la chiusura del Cara di Mineo e dei CIE.

Qui l’evento facebookhttps://www.facebook.com/events/827961083939877/829194573816528/

Alla manifestazione hanno aderito: ANPI Catania, Arci Catania, Arci Sicilia, Arcigay Catania, Briganti Rugby Librino, Catania Bene Comune, Collettivo Gatti Fisici, Collettivo Politico Experia, Democrazia e Lavoro (CGIL), Gapa, la Città Felice, I Siciliani Giovani, I Cordai, PRC Circolo Impastato Scordia, Rete Antirazzista catanese, Rifondazione Comunista Catania, Scordia Bene Comune, Unione degli Studenti, Red Militant, Movimento Albatros, LPS, Borderline Sicilia, Comitato NoMuos NoSigonella, Cobas Scuola, Azione Civile Catania, PMLI, Circolo Arci Casa Pertini, L’Urlo, Briganti Rugby Librino, Redazione Comune, Circolo Città Futura, SEL, AGEDO, Chiesa Battista (via Capuana, 14), Chiesa Valdese (via Naumachia, 20), Collettivo studentesco di Scordia Collettiva-MENTE, CataniaInsieme, Associazione voci e suoni in armonia, coro note di pace, Lettera Memoria e Libertà, Lila Catania, Officina Rebelde, Associazione Navarria, Coordinamento comitati No Muos, circolo Prc Olga Benario, GRU, L’altra Europa con Tsipras Catania, Circolo Arci Babilonia di Acireale, Associazione delle chiese Battiste di Calabria e Sicilia (ABCS), Collettivo Aleph, Centro Antiviolenza Thamaia.

Basta con le leggi razziali! Fortezza Europa vergognati! Corridoi umanitari subito! Diritto d’asilo europeo Subito! Siamo tutti nella stessa barca!

L’ennesima, tragica, strage di migranti della scorsa notte, le continue violazioni dei diritti umani dei migranti che riescono a sopravvivere ai naufragi, sempre più frequenti, c’impongono di non essere più indifferenti e/o complici delle vergognose leggi razziali e delle infami politiche securitarie che in questi anni hanno trasformato il Mediterraneo in un cimitero marino e l’Europa in un lager con coste e territori militarizzati.

Contro il razzismo istituzionale tolleranza zero!

C’è da vergognarsi di non aver fatto abbastanza per impedire il ripetersi di queste tragedie. In questi anni le leggi razziali hanno causato decine di migliaia di morti ma i politici della Fortezza Europa hanno ipocritamente finto di non sapere cosa succede ai migranti che fuggono dalla miseria e dalle guerre “umanitarie” causate dalle criminali politiche neo-colonialiste della “civile” Europa.
Già dall’ agosto del 2013, dopo la morte di 6 migranti ritrovati nella Plaia di Catania, le associazioni antirazziste catanesi hanno lanciato una campagna per il Diritto d’asilo europeo. Oggi più che mai è necessario riprendere il percorso unitario dell’associazionismo migrante ed antirazzista per i diritti dei/lle migranti, a cominciare dal diritto alla vita.
Facciamo appello a tutte le realtà sociali, sindacali,religiose e politiche per dimostrare nei fatti che siamo tutti “Nella stessa barca”, in lotta per un futuro libero dalle guerre e dal razzismo.

No Comments

Post A Comment