Cda Rai: il Movimento 5 stelle annuncia il voto su Rousseau - comunicazione politica, spindoctoring e dintorni
Ultime notizie su politica
notizie, news
3349
post-template-default,single,single-post,postid-3349,single-format-aside,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Cda Rai: il Movimento 5 stelle annuncia il voto su Rousseau

Il Movimento 5 stelle martedì 17 luglio sceglierà i suoi candidati al consiglio di amministrazione della Rai attraverso una votazione online sulla piattaforma Rousseau. Ad annunciarlo è il Blog delle stelle. «Vogliamo mettere la parola fine alla lottizzazione della tv di Stato, considerata da sempre un territorio da occupare e subordinare agli interessi di parte, una sommatoria delle opinioni piuttosto che un luogo di rappresentazione della diversità sociale e culturale del nostro Paese», si legge sul post pubblicato questa mattina. «Vogliamo dire basta alla concezione distorta del pluralismo come spartizione di un feudo secondo canoni cencelliani. Solo un’informazione indipendente può renderci liberi e vogliamo giornalisti non asserviti al partito di turno. Vogliamo un’azienda che sia realmente un bene comune e faccia servizio pubblico, investendo nel proprio personale interno», continua il Movimento. «La Rai che vogliamo sarà imparziale e indipendente a partire dalla governance e ci batteremo affinché questo corollario non venga derubricato solo a buona intenzione», dicono. «La legge di riforma, approvata nel 2015, prevede un Consiglio di amministrazione ridimensionato da nove a sette componenti— si legge ancora nel post— Per la prima volta non toccherà alla Commissione di Vigilanza, ma saranno la Camera e il Senato a eleggere due componenti per parte. Altri due membri saranno scelti dal Consiglio dei Ministri, mentre un altro verrà designato dall’assemblea dei dipendenti dell’azienda. Il Parlamento sarà chiamato quindi a scegliere quattro nomi tra coloro che hanno inviato il proprio CV nell’ambito della procedura di selezione pubblica prevista dalla legge».

fonte Corriere della Sera

No Comments

Post A Comment