Allarme precari nei Comuni, l'appello del sindaco di Acireale Garozzo - comunicazione politica, spindoctoring e dintorni
Ultime notizie su politica
notizie, news
2236
post-template-default,single,single-post,postid-2236,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Allarme precari nei Comuni, l’appello del sindaco di Acireale Garozzo

PRECARI: LA REGIONE TRADISCE GLI IMPEGNI CON I COMUNI. IL SINDACO INVITA LA REGIONE A MANTENERE I PATTI E INVIA ALLA CORTE DEI CONTI GLI ATTI

Precari: la Regione tradisce gli impegni con i comuni, decurtando a tempo scaduto il contributo economico pari all’80 % della spesa complessiva per i precari. Lo sostiene il sindaco di Acireale, Nino Garozzo che amministra un comune in cui lavorano 280 precari. Si tratta di una decurtazione unilaterale (taglio non concordato) per l’anno 2013 che, fatto grave, arriva ad esercizio finanziario dei comuni già concluso al 31 dicembre. Pertanto di soldi già impegnati dai comuni ma la cui minor somma rappresenta adesso disavanzo puro per il Bilancio comunale. Per quel che riguarda Acireale, il taglio è di circa 300 mila euro su una somma regionale prevista di 4 milioni 450 mila euro (dal Bilancio comunale, per dotazione propria, è stato già versato un milione 100 mila euro).

 Per un Comune che regola ai limiti del consentito la propria contabilità sui parametri della contabilità pubblica, somme come queste potrebbero fare persino sforare il Patto di stabilità proprio perché il taglio arriva in maniera unilaterale, a Bilancio chiuso e senza aver neppure consentito manovre correttive “solo perchè la Regione, due mesi dopo la chiusura, decide di togliere somme che fanno parte dell’accordo Regione-Comuni – dice Garozzo -. Il Comune di Acireale non intende rimanere in silenzio innanzi ad atti che si prestano a censure sotto il profilo giuridico e, soprattutto, della corretta collaborazione e buona fede tra enti pubblici”.

In data di ieri, con una nota all’Assessorato regionale della famiglia e delle politiche sociali e del lavoro, il Comune di Acireale ha chiesto la revoca del decreto regionale e il ripristino della dotazione finanziaria originariamente prevista. La stessa nota è stata trasmessa anche alla Corte dei Conti – sez. Controllo della Regione Siciliana – affinchè possa essere valutata nell’ambito del rispetto delle procedure di contabilità pubblica.

Inoltre, il Comune di Acireale, avendo prorogato i contratti ai lavoratori precari per l’anno 2014 – così come previsto e suggerito dalla Legge regionale e dalle direttive assessoriali – ha inviato una seconda nota al fine di evitare disavanzi “a sorpresa” dovuti a manovre di Bilancio della Regione. Nella nota si invita la Regione a confermare, o meno, la dotazione finanziaria prevista per i 280 precari ammontante a 4, 5milioni di euro circa per il 2014. Anche questa seconda nota è stata trasmessa alla Corte dei conti.

“Il comportamento della Regione è inqualificabile in quanto tradisce norma di buonsenso e contabilità pubblica – sottolinea il primo cittadino di Acireale -. Un comportamento che espone i comuni a disavanzi su cui non hanno responsabilità: non si era mai visto che un impegno finanziario del genere venisse decurtato a posteriori. Se la Regione non dovese revocare l’atto, su cui confidiamo anche un intervento della Corte dei Conti, siamo pronti ad impugnare innanzi al giudice amministrativo tale decisione.  E’ chiaro che non ci fidiamo più e proprio per questo, a fronte delle direttive e delle dichiarazioni pubbliche, desideriamo sapere se la Regione sia pronta, o meno, a confermare la dotazione prevista e concordata”.

No Comments

Post A Comment