comunicazione politica, spindoctoring e dintorni | Trasparenza: a che punto è il Foia italiano?
3169
post-template-default,single,single-post,postid-3169,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Trasparenza: a che punto è il Foia italiano?

Le democrazie moderne fondano la loro ragion d’essere sul principio di condivisione e pubblicità di tutti gli atti e le decisioni che riguardano la cosa pubblica. L’introduzione di un freedom of information act in Italia consentirebbe al nostro paese di essere annoverato tra i 90 paesi democratici che si sono già dotati di questo strumento normativo.

La campagna Foia4italy punta proprio a questo, a attuare anche da noi un sistema che possa superare l’attuale legge  che regola l’accesso agli atti. Negli ultimi anni sono nate diverse piattaforme di servizio ai cittadini, una di queste è Open Polis, che dalle pagine del blog fa il punto della situazione sullo stato dell’iter parlamentare che dovrebbe portare all’introduzione della legge in Italia.

Avere accesso alle informazioni raccolte dallo Stato – in nome dei cittadini e con risorse dei cittadini – non è un’esigenza solo di giornalisti, lobbisti ed esperti.

È un diritto universale, che è alle fondamenta  della nostra libertà di espressione perché è il presupposto di una piena partecipazione come cittadini alla vita democratica.

Il diritto di accesso all’informazione è regolato da norme conosciute internazionalmente come “Freedom of Information Acts” (FOIA). In base ad esse la pubblica amministrazione ha obblighi di informazione, pubblicazione e trasparenza e i cittadini hanno diritto a chiedere ogni tipo di informazione prodotta e posseduta dalle amministrazioni che non contrastino con la sicurezza nazionale o la privacy.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha riconosciuto l’accesso alle informazioni detenute dai governi come diritto: oggi più di 90 Paesi democratici hanno un FOIA.

L’Italia non è ancora tra questi.

Con il FOIA puoi sapere a che punto sono i piani per gli asili nido del tuo comune, ma anche dove sono gli investimenti promessi per contrastare la violenza domestica e avere dati certi sulla situazione sanitaria nella tua zona. Puoi sapere quanti sono davvero gli esodati; conoscere finanziamenti, incarichi e conflitti di interessi di eletti e dirigenti pubblici. Con il FOIA potresti scoprire la corruzione che si cela dietro a un appalto prima che sia troppo tardi, per evitare gli enormi sprechi e ritardi che abbiamo visto negli ultimi anni.

Ma più semplicemente, il FOIA ti serve quando vuoi sapere a che punto è la tua richiesta di visita specialistica all’ospedale o quando non sai perchè il tuo permesso di soggiorno tarda a essere rinnovato.

Il diritto di accesso è fondamentale per tutelare i tuoi diritti nei confronti della pubblica amministrazione, conoscerne l’operato, pensare migliori politiche pubbliche, analizzare problemi sociali ed economici, contrastare corruzione e criminalità organizzata.

fonte: Foia4Italy

 

No Comments

Post A Comment